The Last Song of the Troubadours
Poetry and Music in the Crown of Aragon (14th and 15th centuries)

 
 

Nuls homs no sap d'amich fins l'a perdutUc de Saint Circ

Recull: Cançoner Vega-Aguiló 54

Repertori: BdT 457,26

Esquema mètric:

10 10 10 10 10' 10 10 10'
a b b a c d d c

Folis: ms.7, f. 50r   |   ms.7, f. 50v

 
 
 

Edició

 
  N'Uch de Sent Circh
  Nuls homs no sap d'amich fins l'a perdut
  so que l'amich li valia denan,
  mays quant lo pert e puys l'es a son dan
4 e·l notz aytan com l'avia valgut,
  adonchs coney que l'amich li valia;
  per qu'eu volgre madona, si·l plagues,
  ans que·m perdes quez elha·m conagues,
8 so que li falh, e ja puys no·m perdria.
  Be say que s'eu l'hagues aytant nougut
  com l'hay valgut e son pretz trayt denan,
  ben hagre dreig que·m volgues mal plus gran
12 que la rayso; per qu'eu l'hay conegut,
  de me dompna, mays me noseria
  ab lieys lo mal, ne me valrria bes;
  per que·m fora fort bo, si eu pogues,
16 que me·n partis, mays per Deu no poria!
  Quez Amors m'a si doulçamen vencut
  quez yeu no puesch ni n'aus haver talan
  qu'yeu ja de ley, que m'ausi desiran,
20 parta mon cor ne lo·n vir ne lo·n mut,
  ans s'i enprem e s'i ferma tot dia,
  per que fera causimen, si·l plagues;
  mays tant suy sieus, si per sieus me tingues,
24 pus fasses-s'an com del sieu a sa guisa.
  Amors, tant hay vostres volers volgut
  e tant ay fayt lonch temps vostre coman,
  qu'anch no·m trobes vas vos en re truan;
28 de tant rich joy que m'havetz conagut
  diset-m'en un, ans que del tot mort sia!
  Qu'en tot lo mon non es ten patit bes,
  Amors, que se de madona·m vingues,
32 que no·m des joy e no tengues feunia.
  S'elha no·m val ges altre no m'ajut,
  ne·m vulha be ne·m faça belh semblan,
  car, si no·m vol, altre joy non deman,
36 ne si·m volia Amors fayre drut
  de nulh'autre ges far non ho poria,
  ans, s'en liey falh, dich que amor non es
  ni causimen ni beutatz ni merces
40 ne franquesa al mon, ne cortesia.
  Tornada
  D'on, s'era rich, ges mon cor no·m partria
  de mon amich per ren c'om m'en digues,
  entro quez yeu de vos proat hagues
44 si fos vertats ayço c'om m'en digues.
 
 
 

Parziali elementi per il riconoscimento dei principali gruppi di manoscritti si trovano in Jeanroy-Salverda de Grave 1913, p. 35. La tradizione della poesia è in seguito analizzata nel dettaglio in Zinelli 1997, pp. 122-33, e Zinelli 2006, pp. 623 sgg.

I manoscritti possono ripartirsi con chiarezza nelle famiglie seguenti: ABD, EGLNOP (cioè i rappresentanti di quella che Avalle chiama la seconda tradizione – Avalle 1960, pp. LXXXVI-LXXXIX, XCIX, Avalle 1993, p. 102), IKN2, CR (per quanto con minore nettezza che altrove: e sarà conseguenza di una contaminazione da parte di R che va con ABDE al v. 35, con ABE al v. 36, con E ai vv. 22, 26, e, per quanto si tratti di una variante in tutto poligenetica, con ABD ELN VeAg, ha e per ni al v. 10). Da notare una serie di contatti tra IKN2 e C (vv. 15, 18, 23 anche in AL, inoltre, l'omissione del v. 7 comune a CI potrebbe rimandare a una situazione originaria poi emendata da KN2, e si conti anche la grafia di tipo meridionale di pueissas al v. 8, e puesc al v. 18 in IKN2 contro il tipo linguistico rappresentato in questi codici). È una situazione che si ritrova in altre canzoni del trovatore (vedi soprattutto BdT 457.3, 18, 25 dove a IKN2 si avvicinano rispettivamente C, R, CR), e che rimanda probabilmente ad una fonte comune coincidente con il codice antico di Avalle (Avalle 1960, pp. XXVI-XXXI, e 1993, pp. 78-79).

Come risulta da Zinelli 1997 (e ora Alberni 2011), VeAg appartiene al gruppo formato dai mss. ABD. Ne sono prova la lezione (erronea, perché anticipa al v. 6, si·l plagues del v. 22, e cfr. anche Perugi 1978, I, 206-8) dei vv. 6-8, e le lezioni dei vv. 38, 41. Vanno considerati inoltre il v. 5 dove VeAg legge come BDN2 C O DcFa, il v. 28 dove va insieme a AB (D ha comunque una singularis), i vv. 34, 44 dove è nuovamente prossimo a AB (e particolarmente di B al v. 34). Ciò è vero anche quando ABD rientrano in costellazioni più larghe (principalmente insieme ai codici della 'seconda tradizione'): vv. 10, 15, 23 (ma qui A riporta la lezione concorrente), e 35 (con E R). Ha un certo interesse notare che la canzone occupa la posizione di apertura nella serie di AB (così come in LP; in D la canzone si trova in quinta posizione, ma ritengo che l'ordine di AB e D sia costruito per blocchi modulari, così che non si può nemmeno totalmente escludere che occupasse la prima posizione nella fonte utilizzata da D).

VeAg non è copia di nessuno tra ABD. Non condivide infatti le lezioni proprie di A (vv. 5, 8, 29, né al v. 23 ha pos di A e parte della tradizione), B (v. 4, lezione anche in L), D (v. 5, 14, 16 dove D legge come I, 21, 42 dove D legge come R), né di AB insieme (v. 12, 18 con L che qui tradisce la sua natura 'contaminata', 23 con R, 31), né di ABD al v. 36. Condivide tuttavia una variante con D al v. 21 (ma può essere indipendente la sostituzione di quec con tot).

VeAg condivide una variante con O al v. 24, ma può essere indipendentemente, mentre le coincidenze con R ai vv. 27, 28 meritano considerazione, anche per il fatto di essere contigue, così come quella al v. 35, che si è visto condivisa con ABD E (e si può forse aggiungere al v. 36 la variante formale si·m in ABD ER VeAg per se·m, non registrata in apparato). Il rapporto tra codici appartenenti a famiglie così diverse è probabilmente a monte, e si può pensare che R utilizza varianti di AB (cfr. anche al v. 23 l'accordo su que di ABR), alcune di queste, pur essendo potute nascere in un testimone non lontano dal modello di AB, non sono però arrivate ai due manoscritti ma hanno invece raggiunto VeAg e sono passate, per collazione, in R.

MANOSCRITTI: A 154a; B 94b; C 225a huc de sant circ; D 78b Nuc de saint circ; Dc 257b (str. I) Nucs desaint circ; Dc 257c (str. VI) Nucs desaint circ; E 163 Nugo desamsir (om.vv. 27-32, 33-34); Fa 61 (str. I) R/ Nucs de sant circ; G 83d idem; I 128b Nuc de san circ; K 113d Nuc de saint circ; L 9v Hug desansyr (str. I-III, V); N 106b peire milon; N2 5d Nuc de Saint Circ; O 39a; P 34c Nugo de san sil (str. I-V) P2 (str. I) 61d; R 26c Vc de sant sirc; VeAg 72r Nuch de sent circh.

EDIZIONE: Jeanroy-Salverda de Grave, pp. 35-39, Zinelli 1996.

MELODIA (soltanto in G): Sesini 1941, 94; Gennrich 1958-60, I 161; Van der Werf 1984, 342.

METRICA: Frank 624 : 36. 5 coblas unissonans di 6 decasillabi maschili e 2 decasillabi femminili:
a10 b10 b10 a10 | c10' d10 d10 c10', tornada c10' d10 d10 c10' (a: -ut, b: -an, c: -ia, d: -es).
Mot tornat in rima: 14 bes : 30 bes; 7 agues (3a pers.) : 43t agues (1ª pers.).